Edimburgo, il mio compleanno scozzese

Edimburgo (o ‘Edimbra’ come lo pronunciano i locali) è stata la mia prima, ed al momento unica, destinazione che ho deciso di visitare da turista in solitaria.
Ero da tempo intenzionato a provare un’avventura del genere e ho approfittato del mio compleanno per provare quest’ebbrezza. E si, avete capito bene! Ho festeggiato l’anniversario della mia nascita in completa solitudine (per l’esattezza il 20 Febbraio 1985)!

L’aria gotica della città

Appena scendi dal pullman che dall’aeroporto ti porta in città, respiri subito l’aria gotica che può offrire Edimburgo. Ritrovarsi di fronte il bellissimo Royal Scots Greys Monument, monumento in memoria ai caduti del reggimento a cavallo dell’Armata Britannica, Princes Street Gardens con sottofondo creato dalla Old Town e dal magnifico Edinburgh Castle ti fa già captare le bellezze che potrai ammirare nelle giornate successive.
Incamminandomi, poi, verso il mio B&B e attraversando The Mound e George IV Bridge ti innamori sempre di più di questa magnifica città.

 

Una vista mozzafiato

Data la ottima meteo della giornata (un bel sole che ti scalda dal gelo scozzese) decido, all’avvicinarsi del tramonto, di dirigermi subito verso Calton Hill.
Arrivato in cima, man mano che il sole andava calando, man mano che il cielo diventava di un rosso fuoco, non potevo che rimanere a bocca aperta dallo spettacolo che mi si proiettava davanti agli occhi.
Non puoi far altro che ammirare Princes Street, attorniata dagli splendidi edifici vittoriani, trasformarsi in un fumetto disegnato da color pastello.
Il risultato è una vista mozzafiato di Edimburgo dall’alto da non perdere assolutamente!!

 

Passeggiando lungo la Royal Mile

La mattina seguente scelgo di percorrere la Royal Mile attraversando tutte le sue pittoresche strade medioevali e i suoi caratteristici negozietti, dove poter comprare del buon whisky locale o comperare il famoso kilt, passando accanto alla St. Giles Chatedral, un edificio gotico del XV secolo al cui interno vi è un magnifico organo, e la Thistle Chapel: sede dell’ordine cavalleresco del Cardo.
Proseguendo lungo la Royal Mile si arriva inevitabilmente a Edinburgh Castle (costa 19€ ma ne vale la pena), costruito tra colli vulcanici, un colosso meraviglioso sia dentro che fuori.
Se fate in modo di arrivare al castello per le 13 assisterete allo sparo del cannone al Mills Mounth Battery. Un’altra curiosità è il Pet Cemetery, ovvero il cimitero degli animali domestici.

In ogni caso il mio consiglio è quello di perdersi nella Old Town, curiosando tra le case e addentrandosi nelle stradine laterali che offre Edimburgo, arrivando poi a Victoria Street, quello che si rivelerà uno dei miei angoli preferiti: una miriade di colori tra fucsia, azzurro, bianco e giallo riempiono le facciate dei negozietti vintage. Splendide foto le potrete fare salendo sulla Victoria Terrace, proprio per ritrarre al meglio questa fantastica via.

 
 

Verso la New Town

Lasciandosi alle spalle la Old Town, direzione New Town, non si può che passare da Princess Street Garden. Fantastico parco pieno di verde, dove la maggior parte della gente si rilassa distesa sull’erba. Si improvvisano picnic, si suona la chitarra. Qualcuno se ne sta da solo sulla panchina con un libro in mano. Qui in Scozia il verde è sacro.
Si arriva alla New Town passeggiando su George Street. La sensazione è di ordine ed eleganza: porticine colorate e fiori aggiungono un tocco di romanticismo. Potrete ammirare questo quartiere a 360° sedendosi in St. Andrew Square Garden, un’enorme piazza fatta di verde e piccoli bar dove poter rilassarsi per qualche minuto.
Se volete, inoltre, dare un’occhiata a negozia di alta moda o salire su una Tesla, vi raccomando un giro a Multrees Walk. Un centro commerciale all’aperto che si trova proprio dietro St. Andrew Square.

Una menzione speciale al National Museum of Scotland. Totalmente gratuito, dove c’è di tutto un po’: dalle scienze naturali all’etnografia, dal design alle ultime tecnologie, dall’arte allo spazio. Ci si perde una mattinata intera, ma ne vale la pena! Soprattutto la salita al terrazzo dell’ultimo piano dove si può godere di una vista fantastica sulla città.

   
 

Edimburgo tra cibo e musica

Sicuramente è da provare l’haggis, il piatto nazionale scozzese. E’ a base di frattaglie di pecora tritate e poi miscelate con farina d’avena, un piatto decisamente non per tutti i palati poiché il gusto è molto speziato e l’odore può non essere gradito. Se non siete deboli di stomaco è da provare!
Se volete deliziarvi con ostriche e cozze scozzesi allora suggerisco di recarvi da The Mussel and Steak Bar. Offre, oltre al menù a-la-carte classico, anche dei menù completi a prezzi super accessibili!
Concludendo per la colazione, o per una tappa intermedia fatta di tè e paste, vi consiglio la catena Söderberg. Bakery shop svedese di ottima qualità che propone ottimi dolci e, come detto, del buon tè!

Per passare una piacevole serata il Jazz Bar è il posto ideale: musica dal vivo ogni sera, divertimento assicurato chiacchierando con i forestieri e sorseggiando del buon whisky scozzese.

  
Un compleanno particolare ma allo stesso tempo magico e pieno di cultura.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *