Risotto al Chianti: quando la Toscana influenza i tuoi piatti

Riprendo il mio viaggio nel (mio) mondo culinario con un primo piatto che ho preparato qualche sera fa. L’idea mi è sopraggiunta dopo non aver provato questo buonissimo Chianti Toscana (A.D. 2000) Poggiassai della Tenuta Poggio Bonelli.

Piccola parentesi: sono stato ospite di questa tenuta nel 2013 ed offrono anche la possibilità di prenotare alcuni appartamenti presenti nella zona adibita ad agriturismo. Luogo bellissimo immerso nella natura, piscina panoramica mozzafiato, tranquillità e gentilezza ma soprattutto una posizione strategica per visitare la zona (si trova nelle vicinanze di Castelnuovo Berardenga).

Passiamo al pezzo forte

Dopo questo piccolo excursus su quello che sarà l’ingrediente principale del piatto, ora passiamo alla preparazione. A piccoli passi andremo a cucinare il nostro risotto al Chianti.

Ingredienti:
– Brodo vegetale 500 ml
– Burro 100 g
– Cipolla tritata 1
– Riso 225 g
– Chianti Toscana 500 ml (o altro vino)
– Pecorino 40 g (o Parmigiano se preferite)

Prima di tutto portiamo ad ebollizione in una casseruola il brodo vegetale e manteniamolo ad una temperatura costante. Nel frattempo facciamo sciogliere il burro (metà) in un’altra pentola, soffriggiamo dolcemente la cipolla tritata e lasciamola poi ammorbidire.
Aggiungiamo il riso, abbassando la fiamma, e amalgamiamo affinché assorba il sapore degli ingredienti e risulti lievemente tostato.
Aumentiamo la fiammo e dopodiché versiamo il nostro Chianti e lasciamo il tutto in ebollizione per ulteriori 5 minuti, il tempo di far evaporare l’alcool del vino.

Quindi iniziamo ad aggiungere poco alla volta il brodo vegetale fino a quando il riso non sarà cotto, unificando infine il pecorino con l’altra metà di burro rimasta.

Et voilà…

… il risotto al Chianti è pronto. E a voi com’è andata?

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *